La versione del tuo browser è obsoleta. Consigliamo di aggiornare il browser alla versione più recente.

dona il tuo 5x1000 dona il tuo 5x1000 Dona il tuo 5 per mille - Passa con noi all'azione, con questo gesto semplice e concreto!

“I Bambini dell’Africa” ONLUS - associazione di solidarietà e di cooperazione internazionale per lo sviluppo è inserita nell’elenco di associazioni a cui puoi destinare il 5 per mille. Quando compili la dichiarazione dei redditi, puoi destinare il tuo 5 per mille dell’IRPEF a sostegno dei bambini dell’Africa. Questa quota viene sottratta da un importo che si deve comunque pagare. Scegliere di devolvere il 5 per mille infatti non significa pagare di più ma solo dichiarare allo Stato che si vuole che una parte di quello che si è in ogni caso già pagato sia donata all’associazione prescelta. Con il tuo 5 per mille l'associazione I Bambini dell’Africa ONLUS può attuare tanti progetti umanitari che contribuiranno in Africa a:

  • scolarizzare migliaia di bambini di strada senza scuola;
  • aumentare la sicurezza nell’alimentazione;
  • migliorare i servizi sanitari, garantire posti quotidiani e visite mediche regolari per bambini;
  • migliorare la qualità della vita di migliaia di bambini e quella delle donne in situazione di precarietà.

COME POSSO DONARE IL 5 X PER MILLE ?

Nel primo riquadro della scheda per esprimere la scelta della destinazione del 5 per mille dell’IRPEF, a sostegno del volontariato e della altre ONLUS, inserisci il codice fiscale dell’associazione I Bambini dell’Africa ONLUS e firma. Se non sei obbligato alla presentazione della dichiarazione dei redditi (mod.730 o UNICO) ricorda che puoi comunque esprimere la tua preferenza compilando ed inviando solo la scheda prevista per la scelta della destinazione dell’8 per mille e del 5 per mille.

Trasforma la tua dichiarazione dei redditi in un'azione di concreta solidarietà. Un gesto cosi semplice, che non ti costa un centesimo, ma che contribuirà tanto per tanti bambini in Africa.

 

Condividi su Social Media

I fondi raccolti con il 5 per mille dal 2010.